Perduranti ritardi nel saldo delle competenze relative a prestazioni di lavoro straordinario eccedenti i limiti mensili rese nel 2017 e voci sull’imminente corresponsione di nuove erogazioni parziali.

Perduranti ritardi nel saldo delle competenze relative a prestazioni di lavoro straordinario eccedenti i limiti mensili rese nel 2017 e voci sull’imminente corresponsione di nuove erogazioni parziali.

Oggetto: perduranti ritardi nel saldo delle competenze relative a prestazioni di lavoro straordinario eccedenti i limiti mensili rese nel 2017 e voci sull’imminente corresponsione di nuove erogazioni parziali.

Signor Capo della Polizia,

nel tornare a sollecitare il saldo integrale di quanto in oggetto, sempre più
datato, non possiamo non evidenziare come la situazione che si sta verificando quest’anno, se da un lato non
può trovare ipotetiche e plausibili giustificazioni in eventi straordinari che, fortunatamente, non si sono
verificati, dall’altro è senz’altro senza precedenti: mai si erano verificati ritardi anche solo paragonabili.

All’oggettivo disagio che patiscono i colleghi interessati, che a distanza anche di un anno e mezzo non si vedono retribuire il lavoro straordinario eccedente i limiti mensili, spesso reso in condizioni particolarmente gravose, si stanno aggiungendo negli ultimi giorni voci incontrollate che annunciano l’intenzione di codesto Dipartimento di erogare a novembre solo un altro piccolo acconto, senza saldare neppure tutto il 2017.

Già l’assenza di comunicazioni ufficiali aggrava di per sé detto disagio, mancando quella trasparenza
che ci ha sempre indicato come strada maestra per codesta Amministrazione, ma il contenuto delle voci in
argomento, che si spingono a parlare di partite di giro tra i vari capitoli di bilancio con una sia pur momentanea
distrazione di fondi destinati agli straordinari per fini diversi, sta creando un vero e proprio allarme.

Appare del tutto evidente che il silenzio e l’assenza di chiarimenti che si sono protratti fino a questo momento hanno determinato un clima in cui la fiducia che ogni poliziotto deve nutrire nella nostra casa comune rischia di essere messa in discussione e, pertanto, siamo a chiedere un autorevole e tempestivo segnale positivo con la convocazione di un urgente incontro che chiarisca la situazione in ogni suo aspetto.

In attesa di riscontro alla presente, si porgono distinti saluti.

Roma, 10 ottobre 2018

CATEGORIE
CONDIVIDI

COMMENTS