Aggressione a Torino: “Urgono interventi concreti, protocolli operativi chiari e strumenti non letali per tutti, non attendere la prossima tragedia”. Comunicato stampa.

Aggressione a Torino: “Urgono interventi concreti, protocolli operativi chiari e strumenti non letali per tutti, non attendere la prossima tragedia”. Comunicato stampa.

COMUNICATO STAMPA 30 LUGLIO 2018

Aggressione a Torino, Fsp: “Urgono interventi concreti, protocolli operativi chiari
e strumenti non letali per tutti, non attendere la prossima tragedia”

“Nell’esprimere piena solidarietà ai colleghi coinvolti nell’aggressione avvenuta ieri a Torino, e gli auguri di pronta guarigione al poliziotto rimasto ferito, torniamo per l’ennesima volta a lanciare un vibrato appello perché gli operatori di Polizia siano messi in condizione di intervenire con maggiore
sicurezza per tutti. Protocolli operativi più chiari e definiti, e strumenti non letali che stiano a metà strada fra l‟uso delle semplici mani e l’arma di ordinanza sono indispensabili per mettere un argine ai gravi episodi che si ripetono con cadenza praticamente quotidiana”.
Così Valter Mazzetti, Segretario Generale dell‟Fsp Polizia di Stato, Federazione Sindacale di Polizia, dopo che ieri sera, a Torino, un cittadino di origine africana ha aggredito e ferito con un forchettone
un agente della Polfer davanti alla stazione di Porta Nuova, nel corso di un controllo di routine, costringendo il collega a intervenire sparando.
“Episodi come questi – aggiunge il leader dell‟Fsp – rappresentano la “normalità” in un lavoro come il nostro, in cui siamo chiamati a fronteggiare le più disparate situazioni e la violenza più incontrollata,
di fronte alla quale è necessario agire nel giro di pochi secondi. Situazioni in cui intervenire si deve.
Perché siamo poliziotti e questo facciamo per lo Stato e i cittadini. É quindi indispensabile accantonare ogni ipocrisia e ogni indecisione, stabilire con chiarezza cosa possiamo e non possiamo
fare per difendere gli altri, noi stessi, e anche chi genera il pericolo, e fornire a tutti i poliziotti, nessuno escluso, le dotazioni indispensabili a interrompere condotte potenzialmente letali. Se l‟arma
c‟è ma non si può toccare, il taser c‟è ma non si può usare se in terra si vede uno spigolo, lo spray antiaggressione c‟è ma con basse concentrazioni di capsicum per non bruciare troppo… allora nulla
può cambiare davvero e si continua a fare solo propaganda. Oltre tutto, poi, queste banali dotazioni nemmeno ci sono ancora. E si continuano a contare morti e feriti”.

Comunicato Stampa

 

CATEGORIE
PAROLE CHIAVE
CONDIVIDI

COMMENTS